9
giu
2017
0

Papaveri al tramonto

Papaveri al tramonto

Ho osservato a lungo quel campo di papaveri. Così belli, così rossi e grandi. Talmente belli da sembrare coltivati.

Ogni giorno passando per andare al lavoro su quella stradina statale un po’ anonima di campagna, ad un certo punto lui, dietro alla curva. Quasi come se stesse aspettando proprio me per strapparmi un sorriso, per distendarmi il volto assonnato e non troppo felice della solita routine quotidiana e monotona.

Una distesa di rosso che non ti aspetti, che sbuca all’improvviso e interrompe un susseguirsi sciapo di colori neutri della terra nuda e dell’asfalto. Come un fulmine nel cielo scuro.

Sono tornata più volte ad ammirare il mio campo al tramonto, con diverse condizioni di luminosità. Lo avete visto anche su Instagram. Con questi cieli un po’ nuvolosi primaverili si è ricreato un paesaggio di grande ispirazione ed effetto.

La magia che si è creata non poteva non rimandarmi ai miei amati anni settanta, ecco il motivo di quella blusa e dei jeans un po’larghi.

Ho forse fatto male i miei conti per quanto riguarda la luce, aspettando un po’ troppo che calasse il sole per evitare che una luce diretta mi falsasse i colori, senza tenere in considerazione che dietro di me c’era l’argine di un fiume ad anticipare il tramonto di quasi un’oretta. Ma sono stata fortunata però per via dei riflessi rosati che si sono dipinti sulle nuvole di fronte a me. Magari non ho sempre chiuso il diaframma come avrei dovuto, ma l’effetto finale che ho ottenuto è molto simile in fin dei conti a ciò che volevo ottenere.

Volete sapere come è andata a finire?

Un giorno come tutti gli altri, nel mio bel campo di papaveri stavano girando un video, con mega attrezzature a livello cinematografico, con tanto di modella, regista e una troupe di diverse persone.

Il giorno dopo, un trattore stava falciando il mio campo. Già più della metà dei miei papaveri se ne erano andati, e al loro posto era ricomparsa la solita anonima terra nuda. Mi è venuto un nodo in gola e sono stata triste per tutto il giorno. Mi manca un po’ quel bel vedere. Ma so che presto ne vedrò tanti altri in Provenza.

Indosso/wear:

Blouse/blusa: Roberto Collina

jeans: Covert

papaveri6

papaveri7 papaveri8

papaveri8 campo papaveri3

 

0

You may also like

Papaveri
Nothing to wear, ovvero: ho l’armadio pieno ma non ho nulla da mettermi
Cardigan bianco: un capo easy per la primavera
Chiodo nero e fiori rosa: come creare un abbinamento primaverile per una giornata di pioggia

1 Response

Leave a Reply