20
ott
2014
0

Biker boots e un abitino a righe

Biker boots. Dire che li amo è poco. Non potrei proprio farne a meno. Abbinati a gonne e abitini sdrammatizzano e danno un tocco di carattere al look. Abbinati ai pantaloni skinny non possono sbagliare. Sempre e comunque grintosi, sempre e comunque rock.

Dalle atmosfere di Easy Rider ai piedi di chi non sa rinunciare alla comodità e ad una femminilità alternativa.

I biker boots non sono per tutte le donne, non ci sono vie di mezzo, nessun compromesso.  Sono per chi come me ha l’anima libera e un po’ irrequieta, sono per chi ha il viso d’angelo ma ascolta heavy metal, sono per chi 9 volte su 10 non riesce proprio a indossare volentieri i tacchi, nemmeno se dovesse arrivare un fantomatico invito galante dal Brad Pitt della situazione…

E voi come siete? Siete da Biker boots oppure no? Se vi piacciono trovate il modello che indosso e tanti altri da Cinti, nei negozi  e online.

ENG: Biker boots. Love them so much. I think essential for me. Paired with skirts and dresses and give a touch of personality to the look. Paired with skinny is a great look. Always glam and rock.

From Easy Rider’s atmosphere, at the feet of those who can’t give up the comfort and femininity alternative.

The biker boots are not for all women, there is no half way, no compromise. They are for people like me who has the free soul and a bit restless, they are for anyone who has the face of an angel but listens to heavy metal, and for those who 9 times out of 10  just can’t  wear heels, even if it were to arrive a so desired invitation to go out from a really beautiful boy…

And you? Do you like Biker boots or not? If you like, you can find my boots and many others in Cinti shops, in stores and online.

Boots: Cinti; dress: Tezenis (old); sunglasses: Cèline; bag: Prada; necklace: Oasap.

0

27 Responses

  1. anche io sono una fan sfegatata dei biker boots..li amo alla follia e non potrei farne a meno!
    tu con questo look stai davvero bene..perfetto l’abbinamento con l’abitino a righe!

Leave a Reply to Irene De Giorgio Cancel Reply