28
dic
2013
0

Bilanci di fine anno: i migliori blog del 2013, la classifica la faccio io!


Carissimi amici di The pink carpet, la fine dell’anno si avvicina ed è tempo di bilanci… Oggi vi parlo dei blog che quest’anno mi sono piaciuti di più. Look originali che trovo di un gusto unico. Sono tutti internazionali, trovo che abbiano una marcia in più, un’immagine che difficilmente bloggers italiane riescono ad avere. Il fatto di non inserire nemmeno un blog italiano tra i miei preferiti è motivato in parte dal fattore immagine di cui vi ho appena parlato e in parte è una forma di protesta contro tutto ciò che nel corso dell’anno si è verificato nel blogging italiano e che ahimè ben sappiamo. Non sono contenta per niente di tutte le polemiche, le invidie e gli attacchi che si sono scatenati. Le classifiche, pomi della discordia, mi hanno rotto. Quando non c’erano il blogging italiano era di qualità migliore. Oggi sembra che il significato di bloggare sia una rincorsa ad accaparrarsi più commenti per poi figurare in posizioni più alte nelle famose classifiche, a discapito della qualità delle foto e dei contenuti. E’ solo spam. Io sono una di quelle alla vecchia maniera, che alla notte dorme e non passa certo ore e ore a commentare millemila blog di cui non le frega niente solo per avere indietro commenti e visite (per questo non troverete mai 100 e passa commenti sotto ai miei post), che insiste ancora sull’importanza delle regole grammaticali, della corretta coniugazione di un verbo e di un minimo di qualità delle immagini che si postano. Nessuno pretende foto professionali così come nessuna blogger deve essere anche una modella. Però anche un minimo di autocritica ci vorrebbe. Ci sono blog oggettivamente brutti e ancor più brutto è il fatto che non nascono dal cuore ma solo dalla presunzione di ricevere alcuni campioni omaggio dalle aziende, cosa che io trovo assurda. Nessuna ha in tasca la verità assoluta, per carità. Ognuno ha i suoi gusti, su questo non ci piove. Ma veramente di cattivo gusto è chi sente il bisogno di attaccare pubblicamente altre bloggers per invidia o prenderle in giro se hanno gusti diversi. Così il blogging non va da nessuna parte e non si costruisce nulla di positivo, non si fa nient’altro che contribuire ad un regresso, all’andamento generale di un’ Italia che va male in tutti i settori ci aggiungiamo pure questo e pur avendo enormi potenzialità agli occhi delle altre nazioni è lo zimbello. Meditate gente, buona vita!   (1°foto sopra: Madamederosa)
Seeyang

Fashioncoolture
Lovely Pepa

Style scrapbook
Diva in me

Atlantic-Pacific
Vivaluxury

0

23 Responses

  1. Sono completamente d’accordo con te Lucy, a fare la gara a chi si pesta di più i piedi o a chi ha più “collaborazioni” non si va da nessuna parte… Che poi tutte le volte mi chiedo chi glielo faccia fare a certa gente di aprire un blog: se non hai passione per quello che fai, non curi le immagini e quello che scrivi, perché diavolo lo fai? Per guadagno? Bo, magari loro guadagnano ma se io dovessi fare il conto mi verrebbero fuori più spese che altro! Bellissime queste blogger!

  2. Scusa cara ma questa volta non mi trovi d’accordo. Seguo anch’io buona parte dei blog elencati qui sopra ma non penso affatto che abbiano una marcia in più rispetto a diversi blog italiani, anzi! Forse dovremmo imparare a cogliere la qualità anche a casa nostra e non solo a vedere l’erba del vicino come più rigogliosa e più verde…quanto alle classifiche e al pestarsi i piedi invece mi trovi d’accordo ma credo che il problema in parte nasca dall’incapacità di tanti di cogliere la qualità e di basarsi solo sui numeri.

    Ps questa volta Seeyang e Andy non mi piacciono per nulla :(

    Ale

  3. Sono d’accordissimo con te Lucy, a me dispiace anche dirlo ma il blogging internazionale è diverso e si ha anche un’interazione totalmente differente e più friendly. L’Italia riesce a distinguersi pure in questo settore ed ovviamente non in positivo. Anche io adoro Atlantic Pacific e Vivaluxury. Un bacione!

  4. Quanto concordo con quello che hai scritto!!! il brutto è vedere commenti scritti appositamente per averli indietro ma sopratutto le invidie che portano davvero a fare gesti brutti! eh vabbe…
    Un bacio, Giulia

  5. sono assolutamente d’accordo con tutto, tranne per il fatto che la maggior parte delle blogger straniere non incontra il mio gusto perché troppo “finta” e costruita, poco blogger troppo redazionale, tanto vale che mi prendo una rivista…

  6. credo che l’invidia e il pestarsi i piedi esistano anche nel blogging estero, sai come la penso e mi trovo quasi d’accordo con te su tutto, il commentar selvaggio e senza senso poi non lo reggo proprio, in primis io sono la prima a commentare ma solo se ho qlc da dire perchè nasco prima come lettrice e poi come blogger. Non mi dilungo sennò scrivo un poema ahahah ! Bee comunque resta la Number 1 !!!!

  7. Blog che spuntano come funghi ogni santo giorno solo per ricevere un rotolo di carta-igenica o uno straccio per spolverare… ne vedo troppe ogni giorno. ognuno è libero di fare ciò che vuole (ci mancherebbe) ma ogni tanto un pò di meritocrazia non guasterebbe.
    Finchè agenzie e pr non premieranno la qualità invece che i numeri andremo sempre peggio!
    tempo fa affrontai anch’io il discorso, sono storie che si ripetono e senza fine… tutti la pensiamo così ma alla fine i numeri sono quello che contano!
    Buon Anno.
    S.

    1. Purtroppo è così, spesso manca la meritocrazia, anche se alcune top bloggers italiane sono davvero brave e i loro blog molto belli. Ma sono troppo poche. In questa marea di blog spuntati come funghi in fondo non è difficilissimo raggiungere alti numeri; dovrebbero essere le aziende a investire di più nella qualità.

  8. Mi trovi d’accordo con gli spintoni e gli sgambetti tra bloggers, una cosa che fa male a chi ama il blogging ma non sottovaluterei il blog italiani, ce ne sono alcuni che hanno davvero una marcia in più tra cui il tuo, per me!

    1. Ah, dolce Carmen, ti ringrazio tanto tanto! I blog italiani veramente belli e meritevoli sono circa una decina ma io non rientro tra questi, ho ancora un sacco di cose da imparare e migliorare! Comunque grazie davvero!

Leave a Reply to Federica Di Nardo Cancel Reply