4
dic
2013
0

Erilia therapy haircare: trattamento ricostruttore




Buongiorno! Come avete già visto in anteprima qui, un paio di settimane fa ho ricevuto i prodotti per la ricostruzione capillare della linea Erilia di Creattiva. Ho aspettato prima di parlarvene perché prima li ho voluti provare per alcuni lavaggi consecutivamente; poiché è una linea ristrutturante l’effetto è cumulativo nel tempo. Il trattamento è costituito da due prodotti: uno shampoo idratante non aggressivo che predispone i capelli a ricevere le sostanze nutritive e un trattamento rinforzante che riempie la fibra capillare e ne chiude le squame, rendendoli lucidi, corposi, setosi, profondamente ricostruiti. I miei capelli prima del trattamento erano molto sfibrati per colpa del cloro della piscina (chi è Federica Pellegrini???) e dopo due settimane  con i prodotti Erilia già si nota la differenza: ho i capelli molto più lucidi, la materia capillare risulta più consistente, sono più elastici, si spezzano di meno e sono molto più docili al pettine. Sono sicura che dopo un mese di trattamento l’effetto sarà ancor più accentuato. Soddifatta al 100%. Grazie Creattiva!
Se volete provare anche voi i prodotti Erilia by Creattiva, c’è una promozione speciale per voi, ovvero uno sconto del 30% su tutti i prodotti presenti sul sito Creattiva, valido fino al 31 dicembre. Basta inserire il codice 7BLOG0051310.

0

32 Responses

  1. Che bei capelli che hai :-) bellissimi! Si vede proprio che te ne prendi cura…! Io credo proprio che questo sabato andrò a spuntare un po’ le punte perché sono praticamente morte… Eh… Il difetto di chi ama i capelli lunghi è che vanno curati continuamente… Però la tua idea mi sembra ottima e se questi sono i risultati allora provvedo subito 😛 hihihi… Un abbraccio bella :-) ti aspetto da me
    http://violettas.altervista.org/

  2. That definitely looked like a great product for the hair. Sure kept your hair shiny and healthy.

    P.S. Come and support our giveaway and get lucky to win yourself and iPad Air today =)

Leave a Reply to Carmen Recupito Cancel Reply