20
giu
2015
0

Provence diaries #2: dal Colorado a Gordes

Lasciamo a malincuore la piana di Valensole e i campi di lavanda quasi fioriti. Percorriamo alcuni km e il paesaggio cambia totalmente. di nuovo predomina il verde delle foreste di cedri e roverelle, che si alternano ai campi. Niente più lavanda. Ma noi stiamo cercando qualcosa di molto particolare: stiamo andando in direzione Rustrel, verso il Colorado Provenzale. Eccolo li, che compare sulla mia destra. Un grande affioramento di ocre. Si, proprio quelle dei colori, dei pastelli e degli acquerelli: ocra rossa e ocra gialla. I pigmenti minerali che utilizzavano i nostri antenati per le pitture rupestri, testimonianza importantissima dell’evoluzione umana e delle attività sociali di Homo Sapiens nell’ultima fase del paleolitico (non a caso uno dei siti più importanti d’Europa a questo proposito sono le grotte di Lascaux, proprio qui in Francia. Noi purtroppo non le visiteremo durante questo viaggio perchè sono troppo lontane).

L’antropologa-geologa che è in me scalpita. Emozione.

Il parco offre la possibilità di visitare le ocre tramite tre itinerari di diversa lunghezza, da fare a piedi (con scarpe da trekking o sneakers comode, pranzo al sacco e almeno un litro di acqua!). I sentieri attraversano tutti il bosco, vanno in salita e poi si aprono sulle rocce e sulle sabbie rosse generate dalla loro erosione. Il sole picchia forte, ma l’aria fresca dà sollievo. Il panorama è davvero bellissimo.

E’ già ormai tardo pomeriggio, ma prima di raggiungere il nostro alloggio per la notte, vogliamo fare un salto nel centro di Gordes, uno dei paesi più famosi del Louberon, forse anche grazie al fatto che proprio li sono state girate alcune scene del film “Un’ottima annata” con Russell Crowe (a proposito, se non l’aveto visto ve lo consiglio perchè è molto carino).

Gordes è un paese arroccato su un colle, sembra una cartolina. Il piccolo centro è carinissimo. Siamo un po’ stanchi dopo le due ore di trekking nel Colorado, sudati, accaldati e anche un po’ impolverati di ocra rossa. Ci fermiamo in un bar lungo un vicolo del centro a bere una Perrier e una limonata. Ormai sta diventando una sorta di rito per noi… Niente di più gradevole e dissetante (e pare comunque che in Francia vada molto di moda, vedo bottigliette e lattine di queste bevande quasi su tutti i tavolini).

Sorseggio con soddisfazione. Mi sto rapidamente ambientando e questa vacanza mi piace davvero molto.

Prossime tappe? Chateauneuf Du Pape e Roussillion. Stay tuned, il viaggio continua!

Per saperne di più sul Colorado: http://www.colorado-provencal.com/

 

colorado1 colorado2 colorado3 colorado4 colorado5 colorado6 colorado7Gordes-cartolina gordes1 gordes2 gordes3 gordes4 gordes5

0

You may also like

Provenza: itinerari alternativi alla lavanda a pochi km da Avignone.
Fotografare all’alba
Itinerari della lavanda in Provenza: i luoghi più esclusivi e spettacolari
Provenza. Cosa vedere, cosa fare, dove dormire e altri consigli utili

6 Responses

Leave a Reply to Fabiola Tinelli Cancel Reply