8
gen
2016
0

Un gilet in mongolia e l’energia del rock

Un gilet in mongolia e l’energia del rock

Per ricominciare la routine fatta di impegni e corse contro il tempo non mi bastano le vitamine, ci vuole l’energia del rock.

La musica mi ha sempre aiutata e in certi periodi direi che mi ha quasi salvato la vita. Chi è musicista o ama la musica in modo viscerale sicuramente mi può capire.

Oggi per esempio ci vuole Pj Harvey. Un po’ fuori dalle righe, alternativa, energica e talvolta malinconica allo stesso tempo. Ironica.

Oggi che ho proprio bisogno di essere ironica per prendermi un po’ meno sul serio.

Trovare nuove ispirazioni può non esser facile qui dalle mie parti, dove i paesi di provincia sono insignificanti e la gente chiusa nella sua piccola realtà. Qui, dove paesaggio e clima padani sono ingrati. Per chi come me sogna il mare e ha un continuo bisogno di stimoli visivi e culturali non è facile. Talvolta ci si sente in gabbia.

Ma per fortuna ci sono artisti che esprimono la loro inquietudine attraverso la musica, e lo fanno con mille sfumature diverse. Spesso rivedo me stessa e il mio senso di inadeguatezza scritto in un testo, in certe note che arrivano a toccare le corde della mia anima e mi permettono di provare sensazioni che niente, nessuno e persino nessuna sostanza sarebbe in grado di farmi provare. E non mi sento più un’incompresa. Sin da piccola ho amato i videoclip musicali, soprattutto quelli degli artisti più tormentati: una forma pazzesca di comunicazione in grado di raccontarti una storia, catapultarti in un’atmosfera, in un luogo, farti ascoltare una canzone e ispirarti un look. Il tutto in tre minuti. Un’iniezione di adrenalina e di ispirazione potentissima.

E non nascondo che se ora penso a MTV, alla sua epoca terminata e a tutti i pomeriggi da adolescente passati ad ammirare i miei idoli, rapita dal piccolo schermo tra una versione di latino e l’altra, provo davvero una grande nostalgia.

La musica cura. La musica disseta e nutre l’anima. E io non ne potrei fare a meno, mai.

Indosso/wearing:

gilet/vest: Please (old)

stivali/overknee: Sarenza

borsa/bag: Prada

gilet-mongolia2 gilet-mongolia3 gilet-mongolia4 gilet-mongolia5  gilet-mongoliagilet-mongolia6

0

You may also like

Cappotto bianco
Metti un tramonto, d’autunno. E un maglione over
Abitino a righe: le vacanze stanno arrivando!
Glicine

1 Response

Leave a Reply